Proroga NASPI Dis Coll: ha diritto chi riceve i bonus COVID?

Con la circolare 76 del 23 giugno l’inps comunica importanti precisazioni sulla proroga di due mesi delle indennità di disoccupazione NASpI e DIS-COLL prevista dal decreto Rilancio . Ricordiamo che tali prestazioni se concluse tra 1° marzo 2020 e il 30 aprile 2020 – sono state prorogate per ulteriori due mesi a decorrere dal giorno in cui termina la loro durata , con importo pari all’ultima mensilità “ordinaria” , contribuzione figurativa e, ove spettanti, gli assegni per il nucleo familiare. Per la proroga di due mesi non è necessario presentare alcuna domanda in quanto l’istituto procede d’ufficio.

La proroga non è riconosciuta:

  • ai percettori della NASpI che hanno fruito della stessa in forma anticipata ,
  • ai soggetti che stiano beneficiando delle indennità per COVID-19 riservate, dal decreto Cura Italia prima e decreto Rilancio poi, a lavoratori autonomi , dipendenti stagionali e intermittenti, lavoratori domestici e lavoratori sportivi. Queste esclusioni saranno controllate centralmente dall’INPS.

ATTENZIONE!
Le indennità NASpI e DIS-COLL sono cumulabili con le indennità COVID-19 per il periodo della loro durata “ordinaria”. Inoltre , anche per i due mesi di estensione delle indennità di disoccupazione NASpI e DIS-COLL si applicano le previsioni di:

  • sospensione in caso di rioccupazione di durata pari o inferiore a sei mesi (cinque giorni per la prestazione DIS-COLL),
  • riduzione degli importi in caso di cumulo della prestazione con il reddito da lavoro dipendente o autonomo, nonché
  • decadenza dal diritto per rioccupazione

PENSIONAMENTI
Nel caso in cui il percettore delle prestazioni NASpI e DIS-COLL maturi i requisiti per la pensione di vecchiaia o anticipata durante il periodo di estensione la proroga viene sospesa ed eventuali somme non dovute saranno oggetto di recupero.

Se il disoccupato ha presentato alla data di pubblicazione della circolare la domanda di certificazione per Ape Sociale o pensione lavoratori precoci il riconoscimento della proroga è sospeso; l’Istituto contatterà l’interessato per chiedere se intende avvalersi della proroga; la richiesta andra effettuata entro il 31 luglio 2020 con il modello NASpI-Com. L’INPS terrà conto quindi della proroga nella valutazione dei requisiti e delle condizioni per le pensioni anticipate citate.

CONTRATTI AGRICOLTURA
La circolare si occupa anche della sovrapposizione tra Proroga Naspi discoll ed eventuali contratti a termine nel settore agricolo, non superiori a 30 giorni, rinnovabili per ulteriori 30 giorni, nel limite di 2.000 euro per l’anno 2020, per la quale il recente decreto Rilancio ha previsto che non si applichi la sospensione/decadenza dal diritto alla prestazione o l’abbattimento della stessa. In caso di superamento dei tempi o degli importi si applica la normativa ordinaria illustrata dall’INPS con le circolari n. 94/2015 e n. 83/2015.

Una precisazione importante riguarda il conteggio dei 30 giorni : si computano prendendo in considerazione le giornate di effettivo lavoro e non la durata in sé del contratto . Per questo l’interessato è tenuto a comunicare all’Istituto – attraverso le consuete modalità (trasmissione del modello NASpI-Com) – le giornate in cui, nell’ambito del contratto presta effettivamente attività lavorativa.

Comments are closed.