Le scadenze fiscali di fine luglio slittano al 22 agosto

Primo piano - 1 Ago 2022

La pausa estiva del 2022 è ancora più lunga per gli adempimenti fiscali di fine luglio che sono slittati al 22 agosto. Tra questi ci sono gli elenchi Intrastat da trasmettere, i versamenti delle imposte sui redditi, con riguardo sia alle Partite IVA sia ai dipendenti e pensionati: in questo caso il termine di legge sarebbe stato sabato 30 luglio, che per la regola sopra esposta slitta al 22 agosto. Slitta anche il pagamento con maggiorazione del diritto annuale CCIAA, collegato al Modello Redditi 2022.

Scadenze rinviate a settembre
Tra le scadenze rinviate alla stessa data, c’è anche la richiesta di esenzione semestrale dal pagamento del Canone RAI 2022 in bolletta elettrica per ultrasettantacinquenni fino a 8mila euro di reddito. Infine, scadenza rimandata anche per il versamento dell’imposta di registro (2% del canone annuo) sui contratti di locazione non soggetti a cedolare secca decorrenti dal primo giorno del mese.

Altre scadenze ordinarie

  • richiesta di rimborso IVA a credito risultante dalla liquidazione del secondo trimestre;
  • IVA – Dichiarazione trimestrale OSS e liquidazione (trasmissione telematica della dichiarazione trimestrale IVA riepilogativa delle operazioni effettuate nel trimestre precedente e contestuale versamento dell’IVA dovuta; obbligo di comunicazione anche in caso di mancanza di operazioni nel trimestre);
  • IVA – Dichiarazione mensile IOSS e liquidazione;
  • Libro Unico Lavoro: Compilazione/stampa;
  • Cassa integrazione: richieste per eventi non evitabili mese precedente;
  • UNIEMENS: invio dati del mese precedente (scadenza effettiva I° agosto).