Maggiori detrazioni per investimenti in Start up e PMI innovative

L’art. 38 del decreto Rilancio introduce un provvedimento di sicuro interesse per Start up innovative e PMI innovative. Viene infatti previsto l’innalzamento della detrazione IRPEF per investimenti in tali imprese da parte di persone fisiche dal 30% al 50% per un importo massimo di investimento di Euro 100.000 annuali.

Tale detrazione non è sostitutiva della disciplina sino ad oggi vigente, (detrazione 30% IRPEF e deduzione 30% IRES fino ad un massimo rispettivamente di 1 Mil. e 1,8 Mil. annuali), ma semplicemente introduce un’ulteriore opzione più favorevole valida solamente per le persone fisiche e per investimenti di minore entità.

I provvedimenti a favore dell’ecosistema delle Start up innovative inoltre comprendono ulteriori novità che brevemente vengono sotto riportate:

  • proroga di 12 mesi per la permanenza nella sezione speciale del registro delle imprese con applicazione della speciale disciplina di favore;
  • istituzione Fondo per il trasferimento tecnologico presso il MISE con una dotazione per il 2020 di 500 milioni di Euro;
  • rifinanzimento con 100 milioni di Euro del programma Smart&Start Italia;
  • stanziamento di 10 milioni di Euro per contributi a fondo perduto per favorire l’incontro tra start up innovative e incubatori, acceleratori ecc.: per l’applicazione si attende decreto attuativo;
  • incremento di 200 milioni di Euro del fondo di sostegno al venture capital;
  • estensione del credito d’imposta per la Ricerca e Sviluppo alle spese sostenute per contratti stipulati con start up innovative.

Comments are closed.